English English italiano [Beta] italiano [Beta]

Un capodanno mistico in Vietnam

Un capodanno mistico in Vietnam
Per il prossimo capodanno, perché non cambiare completamente contesto e tuffarsi nel magico e mistico mondo del sud-est asiatico? Si sta parlando della Vietnam, precisamente di Ho Chi Minh, la capitale del paese. Qualora non lo sapeste, il capodanno in Vietnam si festeggia in un altro periodo dell’anno rispetto al nostro, esattamente tra il 13 ed il 15 febbraio, tuttavia, per sfruttare l’incredibile afflusso turistico proveniente dall’Occidente, il paese del sud-est asiatico ha ben pensato di unirsi ai festeggiamenti anche la notte che separa il 31 dicembre e il 1° di gennaio.
Tutto ciò gioca enormemente a vantaggio di tutti coloro i quali vogliano decidere di passare l’ultimo dell’anno in Vietnam, infatti, anche il clima tende la mano a questi fantasiosi viaggiatori.
Fine dicembre è il periodo migliore per visitare il paese asiatico, piogge ridotte (rispetto all’abbondanza usuale), clima fresco che permette ancora la balneazione ma che non è eccessivamente caldo. Con questo bagaglio di idee e situazioni, perché allora non immergersi nel cuore della Ho Chi Minh per ammirarne e goderne le bellezze architettoniche, la magia delle sue botteghe artigianali, il misticismo dei suoi luoghi di culto e la vivacità dei suoi mercati: fino a tarda sera, quando sul finire del 31 dicembre, gli abitanti locali si uniscono alla miriade di turisti che affollano le vie della città per accompagnarli verso l’anno nuovo.
Ovviamente si può abbinare alla visita di Ho Chi Minh con Vietnam visto all'arrivo qualche giorno di mare in una delle tantissime mete turistiche del paese. Tra le località più belle e affascinanti non possiamo non segnalarti Phu Quoc, le Isole Con Dao, Vung tau, Phan Thiet o la splendida Nha Trang. Da vedere anche le meravigliose isole di Phu Quoc e Da Nang dalle quali è possibile, anche organizzare delle splendide escursioni.
Il costo di un Capodanno in Vietnam è piuttosto alto rispetto ad un soggiorno in Europa in quanto il biglietto aereo e visto Vietnam (e i relativi voli interni se si vuole visitare più mete) è molto costoso. Per quanto riguarda la vita sul posto, invece si spende molto meno che in Italia.

la cucina vietnamita a Hanoi

Per il palato occidentale - anche se i vietnamiti lo negano - la cucina vietnamita è, per certi aspetti, simile a quella cinese con la quale ha in comune numerosi piatti. Le pietanze sono tendenzialmente salate al Nord, piccanti al Centro e dolci al Sud.
Quasi tutti i migliori hotel a Hanoi dispongono di un ristorante e numerosi sono i piccoli locali a gestione familiare, frequentati per la maggior parte da tecnici e cooperanti stranieri. Ad Hanoi il ristorante Cha Ca al numero 9 della via omonima, offre un ottimo pesce alla griglia con vermicelli alle arachidi, condito con il Ca Cuong, intingolo a base di un estratto di insetto. Le Banh Tom - gallette di gamberi e il Mien Luon (vermicelli ai fagioli con le anguille) si possono gustare al Restaurant Flottant Ho Tay sulla Thanh Nien, mentre una saporita Pho, una zuppa dagli innumerevoli ingredienti (fra cui coriandolo, anice stellato, carne di vitello, riso, nova, germogli di soia) si può consumare in uno dei due ristoranti dell'elegante Hotel Thang Loi. Al ristorante dell'Hotel Thang Long si cena discretamente, tuttavia è assolutamente imperdibile l'orchestrina che offre un sottofondo musicale struggente, con un repertorio quantomeno curioso.
Da tener presente per spuntini improvvisati: nei magazzini di stato si trova facilmente e a buon mercato dell'ottimo caviale russo. Al Sud si mangiano cobra, pipistrelli e tartarughe, tuttavia, i meno temerari possono deliziarsi con dei giganteschi granchi bolliti nel latte di cocco, conditi con una salsa a base di peperoncino.
Questa ed altre specialità - fra cui l'Agar-Agar, uno squisito dolce gelatinoso alle alghe marine - si possono assaporare nel Ristorante Phuoc Thanh, al 125 della Nguyen Cu Trinh, a Città Ho Chi Minh. Qui è assolutamente garantita la qualità e la genuinità dei cibi. Ottimo anche il ristorante dell'Hotel Le lai e le sue specialità di pesce.
In ogni caso, chi preferisce mangiare all'occidentale viene dovunque facilmente accontentato.
La frutta è straordinaria e dolcissima: varia da mango a banane, arance, ramboutans, pommes cannelle, ananas, frutto del drago. Solitamente, nel dopo pranzo, si beve il Choum, alcol di riso, mentre il te vi verrà offerto dovunque, essendo la bevanda della convivialità. Pasteggiando, si bevono birra leggera (ottima la Saigon Bier) o, volendo concedersi un lusso, del buon vino bulgaro, facilmente reperibile.
Fonte: getvietnamvisa.com